E' finito l'amore.

Non "è finito l'Amore" e neppure "è finito un amore", ma proprio è finito l'amore.

Da ragazza, vezzosamente, dicevo che la fatina dell'amore si era dimenticata di venire ad accogliermi con il suo dono al momento della mia nascita, e che neppure nei giorni successivi si era avvicendata con le sue colleghe sulla mia culla.
Per cui... non avevo amore. Si erano dimenticati di fornirmi di tale sentimento.

Ora... questa cantilena che mi piaceva tanto ripetere mi ritorna nella mente e la sento mia come non mai.

Dunque... ho finito l'amore da dare. Non solo l'amore per un uomo, proprio l'amore in generale. In fondo, poi, non era così tanto.

Ho messo a saldo tutta la rimanenza ed ho venduto tutto.
Ho il magazzino vuoto.
Magari lo riempio con merce diversa, non so, l'indifferenza, l'egoismo, l'opportunismo... vedremo.
Sugli scaffali rimane quella patina polverosa di affetto che non va via neppure con il miglior sgrassatore.

Oppure... mi giro dall'altra parte e dimentico anche la polvere.