01. Lo prendiamo?

 INDICE ARTICOLI CANI
 00.  01.  02.  03. 04.  05.

 

Quando si decide di accogliere un cane in casa, che sia cucciolo o adulto, di taglia piccola o grande, di razza o meticcio, bisogna sapere bene a che cosa si va incontro.

 

Un cane è un essere vivente e come tale ha delle necessità dalle quali non si può prescindere mai.

 

Ha bisogno di mangiare una o due volte al giorno, ha bisogno di uscire per espletare i suoi bisogni fisiologici ma anche per giocare, socializzare con gli altri cani e per instaurare un rapporto con il proprio padrone.

Far portare a spasso il proprio cane sempre da un dog sitter è un po' come abbandonarlo, non seguirlo nelle sue attività.

 

Dopo poche ore dall'ingresso di un cane in una famiglia, ci si renderà conto che il cane diventa parte integrante della stessa, un membro a tutti gli effetti, per cui qualsiasi decisione si dovrà prendere occorre tenere presente che si possiede un cane.

Per esempio non si potrà più decidere all'ultimo momento di restare a dormire a casa di un amico, perchè a casa c'è il cane che ci aspetta per essere portato a spasso, per bere e per mangiare, esattamente come se a casa avessimo lasciato una persona non completamente autosufficiente da accudire.

 

Non si deve cadere nell'errore di pensare che non si può godere della compagnia di un cane perchè si abita in appartamento senza giardino: un mio amico allevatore prima di vendere un cane chiede sempre se il futuro acquirente possiede una casa con giardino o no, predilige gli acquirenti senza giardino perchè sostiene che un cane che abita in una casa con giardino è un cane triste in quanto finirà per non uscire mai e vivere da solo relegato nel suo giardino.

Il giardino, per quanto grande e accogliente possa essere, non regalerà mai al nostro cane la gioia di giocare e correre con altri suoi simili.

 

Per cui un cane starà benissimo in un appartamento di città purchè venga rispettato il suo diritto ad uscire e a giocare con i suoi simili. Perciò se avete deciso di avere un cane dovete stanziare qualche ora a settimana per farlo andare al parco e dovete sapere che ogni giorno, piova o ci sia il sole, faccia freddo o faccia caldo, abbiate la febbre o la sciatica, il cane deve uscire per la passeggiata almeno una trentina di minuti.

 

E la passeggiata non è il solo tempo che dovrete dedicargli. Dovete fare in modo di avere un rapporto equilibrato con lui, voi siete il padrone e lui è il cane. Per cui dovrete passare un po' di tempo, tutti i giorni, a giocare con lui in modo costruttivo, educandolo come meglio credete.

Io non amo i cani troppo ammaestrati ma educarli ad una buona convivenza con i loro simili e con gli umani è essenziale per non andare incontro a piccoli o grandi guai che il cane potrebbe causare.

 

Un altro errore nel quale si cade sovente è pensare di non poter avere un cane perchè si lavora e si passa molto tempo fuori casa per cui il nostro amico starebbe molte ore da solo.
Il cane si abituerà presto, anche con l'aiuto dell'educatore, a rimanere solo in casa ad aspettare il rientro del suo padrone.

Non è importante quanto tempo si sta con l'animale ma come ci si sta. Ovviamente se un cane rimane da solo 12 ore e quando il padrone rientra non lo guarda o lo prende a calci il cane soffrirà. Ma se il padrone al suo rientro dedicherà un po' di tempo a stare con lui, a giocare, a parlargli, a portarlo a spasso, il cane sarà felice.

 

Spero che quanto sopra non abbia turbato un eventuale lettore che avesse in mente di prendere un cane. Sappiate che in cambio riceverete tanto amore, un compagno di giochi e di vita, un confidente silenzioso, un aiuto.

 

Nel prossimo articolo parlerò ancora di alcune valutazioni da fare quando si è deciso di prendere un cane in casa, nel frattempo,  vi suggerisco ancora un aiuto validissimo per l'educazione vostra e del vostro cane

 



 

Se ti è piaciuto
Condividi su FaceBook

 INDICE ARTICOLI CANI
 00.  01.  02.  03. 04.  05.